fbpx

Padre Claudio Santoro

Vicario della parrocchia di San Barnaba, Roma quartiere Torpignattara.

Padre Claudio

La famiglia di chi non ha famiglia.

Quando nel giugno dell’84 padre Claudio è arrivato a Torpignattara nella periferia di Roma era poco più che un ragazzo con una grande croce di acciaio sul petto. 

La chiesa di San Barnaba, sede del suo primo incarico, sorgeva ai bordi un campetto di calcio polveroso e mal frequentato in quella periferia nata negli anni 50 e ben descritta da Pasolini, dove povertà e ignoranza costituivano l’unica risorsa di povera gente proveniente dal sud in cerca di fortuna nella capitale. 

Padre Claudio
Padre Claudio
Padre Claudio
Padre Claudio
 
Padre Claudio
Padre Claudio
Padre Claudio
Padre Claudio
 

 

Gli anni 80, vedevano la seconda generazione di questa ondata migratoria, ragazzi spesso nati e cresciuti  nelle baracche di lamiera del borghetto prenestino, i figli di quella “vita violenta” spesso cresciuti in strada e legati al mondo della criminalità.

L’associazione casa famiglia Lodovico Pavoni è nata dal desiderio di padre Claudio di arrestare questa devianza minorile e di dare una risposta ai problemi del territorio.  

Un lavoro duro, condiviso con i primi pochi volontari che nel 1990, dopo la caduta del muro di Berlino hanno visto nuovamente cambiare il tessuto del territorio urbano.

Torpignattara al centro di un nuovo esodo di uomini e donne, provenienti da tutte le parti del mondo, fino a diventare il secondo quartiere multietnico in Italia per numero di stranieri residenti.

Allora padre Claudio ha aperto le porte del centro a quell’esercito umano in fuga da guerre e povertà e il campo di calcio si è colorato di bambini provenienti da tutto il mondo.

I nuovi poveri, ma soprattutto i senza famiglia, soli e spesso senza nessuno a cui chiedere aiuto. 

Il centro è diventato “la famiglia di chi non ha famiglia”, e tanti di quei giovani sbandati incontrati negli anni 80 i nuovi volontari.

Oggi la casa famiglia Ludovico Pavoni fornisce assistenza scolastica e post scolastica, medica, e psicologica, grazie all’intervento gratuito di professionisti che aiutano i nuovi poveri nei loro bisogni primari consentendo loro l’accesso alla sanità spesso negatogli dalle istituzioni. 

E al centro di tutto c’è sempre lui, padre Claudio, un sacerdote di mezza età con una grossa croce di acciaio sul petto. Da quasi vent’anni alla guida di un pulmino che ogni giorno accompagna a scuola bambini di etnie diverse, da quasi vent’anni impegnato nel dialogo con genti diverse che in quel campetto polveroso di periferia parlano un’unica lingua, quella dell’amore.

Nel loro piccolo fanno grandi cose. Anche tu puoi.

DONA ORA

image

Don Giuseppe Facchineri

Parroco "Beata Vergine Addolorata in Morsenchio", Milano. Sanno che tutti i giorni io ci sono “Da quando sono prete ho Continua
image

Don Davide Tononi

Parroco in solido* di Norcia. Insegnate ai vostri figli a guardare le stelle “Il terremoto ci ha fatto riscoprire l’essenziale. Continua
image

Don Pierluigi Di Piazza

Parroco di Zugliano, Udine. Per una Chiesa semplice Zugliano si trova alle porte di Udine, tra i campi.È lì che Continua
image

Don Enrico Torta

Parrocco di Dese, Venezia Sempre Accanto “Non ti faccio entrare in canonica perché ti ci vorrebbe la patente... troppa confusione”. Continua
image

Don Donato Lauria

Parroco di Maria SS. Immacolata, Potenza. In questo mare di cemento c’è un cuore Don Donato Lauria è il parroco Continua
image

Don Sergio Chiesa

Prete della diocesi di Novara e nutrizionista Ma se diventassi prete? È di Castellazzo Novarese, in Piemonte, il protagonista di Continua
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6